INTERVISTA AD ANDRE MATOS at Peocio,Trofarello(TO) 23-01-09


(for the English-speaking fans, I’ll try to do a very general and probably not accurate enough translation, since I don’t speak Italian but can understand some words)
 
Maria Livia Rizzo
 
In occasione della partecipazione di Andre come guest star ad una serata di puro metal, aperta dai M.O.S.A. e dai Black Wings, durante la quale Matos si è esibito assieme alla band romana Astra, cantando pezzi di Helloween, Angra, Journey, Iron Maiden, Europe e Queen, il Fan Club Ufficiale Italiano a lui dedicato ha colto l’occasione per intervistare il cantante. Ringraziando Andre per la sua disponibilità, pubblico qui la prima intervista del Fan Club. Buona lettura!

 

In the occasion of Andre’s participation as a guest star in an evening of pure metal, with the support acts of M.O.S.A. and the band Black Wings, during which Andre Matos presented himself with the Roman band Astra, singing songs by Helloween, Angra, Journey, Iron Maiden, Europe and Queen, the Official Italian Fan Club had the opportunity to interview the singer. Thanking Andre for his availability, I hereby publish the first Fan Club interview. Have a good reading! 

M.L.R.: “Time To Be Free” è un album che richiama il passato proiettandolo nel futuro…Parlando del futuro, quali progetti ci sono per il 2009? Uscirà un nuovo album?

M.L.R.: “Time To Be Free” is an album that reminds the past, but casting it into the future…Talking about the future, what are your plans for 2009? Will you release a new album?

A.M.: Sì, appena io e gli altri componenti della band rientreremo in Brasile, la prossima settimana, lavoreremo al nuovo album insieme al produttore, i brani sono già stati scritti, ma bisogna perfezionare l’intero lavoro. L’album sarà finito in 3 o 4 mesi, al massimo 5.

A.M.: Yes, as soon as me and the other members of the band arrive in Brazil, next week, we will work in the new album with the producer, the tracks are already written, but the whole work needs to be perfected. The album will be finished in 3 or 4 months, 5 months maximum.

M.L.R.:Ci sarà poi un tour? Verrai in Italia?

M.L.R.:Then is there a tour? Will you come to Italy?

A.M.: Penso che il disco uscirà verso la fine dell’estate, ad agosto o a settembre; prima farò un giro promozionale, poi ci sarà un vero e proprio tour in occasione del quale verrò in Italia con il gruppo e questa volta saremo headliner in modo da poter suonare circa 2 ore e mezza. É stata una buona opportunità quella di conoscere questa località vicino a Torino, perchè il mio sogno è sempre stato quello di fare più concerti in più posti qui in Italia, e non solo a Milano. Mi piacerebbe venire ad esempio a Roma, a Torino o a Firenze.

 

A.M.: I think that the album will come out at the end of the semester, somewhere between August or September. First we’ll do a promo tour, becaus this will be a true and proper tour in the occasion of which I will come to Italy with the band and this time we’ll be the headliner, so we will be able to play about 2 and a half hours. This was a good opportunity to know this locality near Torino (Turin), because my dream was always to do more concerts in more places in Italy, not just in Milano (Milan). It’d be a pleasure to come, for example, to Rome, Turin and Florence. 

M.L.R.: Sappiamo che sei legato da una grande amicizia e stima agli altri componenti della band. Come descriveresti ognuno di loro?

 

M.L.R.: We know that a close friendship and esteem bounds you to the other members of the band. How would you describe each one of them?

A.M.: Mi trovo benissimo con ognuno di loro. Siamo tutti amici, ognuno di loro ha delle particolarità. Eloy, il batterista, è il più giovane, compie tra poco 18 anni, è molto piacevole per noi lavorare con lui perché apprende molto dagli altri, che hanno più esperienza, e ci dona l’energia di cui un gruppo ha bisogno, ed è giusto che sia così. Il chitarrista, Hugo, mio carissimo amico, è una figura solida ed energica all’interno della band. Io e Luis, il bassista, lavoriamo insieme da sedici anni, anche lui è un mio grande amico. ”Zaza”Andre, il mio omonimo, è stato il primo chitarrista degli Angra e ci siamo ritrovati in seguito solo ora per collaborare in questo gruppo solista, ed è stato un piacere ritrovarlo, perché è uno dei più bravi chitarristi del Brasile. Anche il tastierista, Fabio Ribeiro, ha cominciato con gli Angra e anche con lui ci conosciamo da tanto tempo. Non si è creata un’atmosfera tipica di un gruppo solista in cui c’è un capo, non è così. Il nostro è davvero un gruppo in cui tutti collaboriamo.

 

A.M.: I get along very well with each one of them. We’re all friends, and each of them has a particularity. Eloy, the drummer, is the youngest, he’ll turn 18 soon(?), it’s very pleasant (?) for us to work with him because he learns a lot from the others, who have more experience than him, and this gives the band the energy that the band needs, and it’s only fair that that’s how it is. The guitarist, Hugo, my dear friend, is a solid and energetic figure inside the band. I and Luís, the bassist, have been working together for 16 years, so he’s also a great friend of mine. "Zaza", also Andre like me, was Angra’s first guitarist and we met again (this part I didn’t get), and it was a pleasure to meet him again, because he’s one of the bravest guitarists in Brazil. The keyboardist, Fábio Ribeiro, also started with Angra and he’s also been a friend for a long time. The atmosphere created isn’t typical of a solo band, in which there’s a leader, that’s not how it is. Ours became a band in which all of us colaborate.
 

M.L.R.: Come mai hai scritto una canzone in onore di Rio de Janeiro? Qual è il sentimento che ti lega a questa città?

 

M.L.R.: Why have you written a song in honour of Rio de Janeiro? What is the feeling that links you to this city ?

 

A.M.: I miei parenti e i miei progenitori sono tutti di Rio de Janeiro, io sono nato a San Paolo ma ho trascorso tutta la mia infanzia a Rio e ho tantissimi ricordi in questa città. Quando ho visto il film “Cidade de Deus” (meglio conosciuto presso di noi come “City of God”,ndr) mi sono sentito ispirato a scrivere questo brano, per i ricordi che questo film mi ha evocato.

 

A.M.: My relatives and my parents are all from Rio de Janeiro, I was born in Sao Paulo but I spent my whole childhood in Rio and I have so many memories in this city. When I saw the movie "Cidade de Deus" (better known with its English title, "City of God") I felt inspired to write this song, for the memories that this movie has brought me.

 

M.L.R.: Alcuni fan hanno notato che nell’ultimo disco la timbrica del nuovo Matos si è avvicinata un po’ a quella di Tobias Sammet mentre nei live, soprattutto nel riproporre le vecchie canzoni, la tua voce assomiglia al vecchio Matos: questo è dovuto a una scelta di stile canoro nell’ultimo disco o a una diversa impostazione di voce? 

 

M.L.R.: Some of your fans noticed that in this last album the timbre of the new Matos has become a little closer to Tobias Sammet’s. In the meantime, on stage, especially in the old songs, your voice is ,ore similar to the old Matos: is this due to a choice of style in your latest album or to a different vocal technique?

 

A.M.: Non saprei. La scelta del produttore è stata di permettermi di cantare in questo modo; Roy Z è una persona eccezionale e mi ha fatto cantare in una forma molto libera, molto spontanea. Ho cercato di dare un’ interpretazione vocale in cui la voce è variata nel corso di tutto il disco, per evitare di essere noioso. 

 

A.M.: I won’t know how to answer that. The choice of the producer was to allow me to sing in this way. Roy Z is an exceptional person and he made me sing in a very free way, very spontaneous way. I tried to vocally interpret the songs in a way that the voice is varied along the album, to avoid being annoying/tiring.
 

M.L.R.: Descrivi te stesso con tre aggettivi. 

 

M.L.R.: Describe yourself with 3 adjectives.
 

A.M.: Oddio…Ho un solo aggettivo…io sono veramente un perfezionista, e questo può voler dire tutto, forse è un bene e forse è un male… 

 

A.M.: Oh God…I only have one adjective…I’m truly a perfectionist, and this can mean anything, for better or for worse…
 

M.L.R.: Qual è stato il tour o il concerto che più ti ha emozionato nella tua carriera? 

 

M.L.R.: Which tour or gig has touched you the most in your career?

 

A.M.: É stata l’opera rock “Tommy” degli Who, in cui ho interpretato il ruolo principale, e mi sono esibito insieme ad un’orchestra: è stata un’esperienza veramente emozionante.

 

A.M.: It was the rock opera "Tommy" by Who, in which I interpreted the main role, and I presented myself with an orchestra: this was truly a very emotional experience.
 

M.L.R.: Tre cose che ti porteresti su un’isola deserta? 

 

M.L.R.: Name three things you would bring to a desert island.
 

A.M.: Acqua, qualcosa da mangiare e…il fuoco! Della musica non avrei bisogno…potrei comunque cantare! (Andre sorride divertito, ndr)

 

A.M.: Water, something to eat and…fire! I won’t need music…I will be able to sing (Andre smiles funny) 


 

M.L.R.: Guardando indietro alle tue origini, quali sono stati i musicisti o le band che ti hanno ispirato agli inizi della tua carriera? 

 

M.L.R.: Looking back at your origins, what musicians or bands inspired you at the beginning of your career?
 

A.M.: I Queen…Il primo gruppo rock che ho ascoltato sono stati i Van Halen, in seguito gli AC/DC, gli Iron Maiden, Ozzy, Dio, e anche al di fuori dell’ambito del metal, ho molte influenze, ad esempio Peter Gabriel, Kate Bush e i Journey.

 

A.M.: Queen…The first rock band that I listened to was Van Halen, after that, AC/DC, Iron Maiden, Ozzy, Dio, and still, outside of the metal world, I have a lot of influences, for instance, Peter Gabriel, Kate Bush and Journey.
 

M.L.R.: Cosa rappresenta la luce che tieni nella mano sulla copertina di “Time to be Free”?

 

M.L.R.: What represents the light that you’re holding in your hand in the cover artwork of "Time to be Free"?

A.M.: Energia…e libertà! Libertà, principalmente.

 

A.M.: Energy…and freedom! Liberty, mainly.

M.L.R: Andre, hai quasi 24 anni di carriera alle spalle, c’è qualcuno in particolare che ti ha sostenuto in questi anni e che vuoi ringraziare?

 

M.L.R: Andre, you have almost 24 years of career, is there anyone in particular that has supported you all these years and that you would like to thank?
 

A.M.: Il mio nonno (sorride,ndr): é stata la prima persona che ha scoperto il mio talento musicale, se così si può dire…..


A.M.: My grandfather (smiles): he was the first person who discovered my musical talent, if you can say something like that….

…E sicuramente si può dire così, a giudicare da come Andre riesce da sempre con la sua voce e il suo carisma a coinvolgere e affascinare il popolo del metal…a cominciare dal pubblico che questa sera affolla il Peocio, locale non grandissimo ma favolosamente rockettaro in provincia di Torino! L’intervista si conclude ma ci sono tantissime altre cose di cui Andre continua a parlare con i numerosi fan, compresa la sottoscritta, fino alle prime ore del mattino, riconfermandosi (e nessuno aveva dubbi al riguardo) non solo un artista eccezionale ma una persona rara, che pur avendo toccato le vette del successo nel panorama metal ama la spontaneità di un semplice dialogo e il contatto con la gente. Scherzando, qualcuno durante il concerto lo propone come Presidente, qualcuno come Nobel per la pace, qualcun’altro alle 4 del mattino gli dice “hai la pazienza di un santo”…Sono senza dubbio affermazioni iperboliche, ma è impossibile non rimanere impressionati positivamente da una personalità come quella di Andre: e chi ha avuto la possibilità di conoscerlo sa bene di cosa parlo.


 

                                                 Grazie a: Ilaria,Stefano,Valter,Alessandra,Diego,Keiko,Sabrina,Misha,Stefano di Pavia.

 

source: http://www..myspace.com.andrematositaly 

About Janus

Janus Aureus is my recently-inaugurated personal blog (written in portuguese, but with some texts in english as well). Fiore Rouge is my old (but still very active - in fact, more than Janus :P) blog (I started it back in 2005). Mentalize is a fan-made website (since 2005). if you wish to contact me for any reason, visit my blog and leave a comment OR see email above (top left) - no, my name's not Andre - actually, I'm not even a guy! LOL Long story... O Janus Aureus é meu blog pessoal - escrito em português - ainda sem muito conteúdo, pois foi começado no final de dezembro de 2011. Já o Mentalize foi aberto em 2005 e está escrito em várias línguas *rs* Privilegio o uso do inglês ali porque o pessoal estrangeiro não tem muitas informações sobre o AM. Quem quiser entrar em contato comigo por qualquer motivo, deixe um comentário nos meus blogs ou use o email que está aí em cima à esquerda (e não, eu não sou o Andre - aliás, sou mulher!).

2 thoughts on “INTERVISTA AD ANDRE MATOS at Peocio,Trofarello(TO) 23-01-09

  1. kay says:

    good job, Solange;)

  2. So says:

    Thanks!🙂 I\’ve already corrected thevery very bad mistakes hihihi

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s