Andrè Matos + Astra + BlackWings + M.O.S.A. Live Report – 23/01/2009 – Il Peocio Trofarello (Torino)


Sempre più spesso finisco per ringraziare l’esistenza della grande rete e di siti quali myspace perchè ti permettono di recuperare informazioni che in altro modo mai avresti avuto.
Nel caso specifico mi riferisco ad un concerto, e ce ne saranno altri nei prossimi giorni, organizzati dal circolo ricreativo Il Peocio di Trofarello http://www.ilpeocio.com in provincia di Torino. Il concerto cui ho assistito Venerdì 23 Gennaio è stato una vera e propria manna dal cielo.

Il locale si è dimostrato un punto veramente accogliente per tutta la massa di gente presente, e il personale simpatico e amichevole. Sembrava di stare tra amici, ed in effetti è quello che è stato! Tutti uniti nel nome della nostra tanto amata musica. Prima di procedere e presentare i concerti dei gruppi presenti deisdero ringraziare lo sbattimento di Tony Chiara Pellegrino e gli amici di Flash per avere organizzato questa bella serata.

La serata è stata aperta da un gruppo a me, ahimè, sconosciuto prima di Venerdì, M.O.S.A. http://www.myspace.com/dirtymosa dediti ad un buon Thrash Metal di chiara matrice Metallica. La band del torinese si è dimostrata decisamente valida riuscendo a scaldare il numeroso pubblico presente con la loro graffiante musica. Da tenere sott’occhio.

Il testimone passa quindi ai giovanissimi, appena più che ventenni, BlackWings http://www.myspace.com/blackwingsmusic che personalemente ritengo il vero nuovo gruppo italiano su cui puntare! Il loro album di debutto ci ha offerto un assaggio assolutamente pefetto di quello che i cinque potranno fare. Tutti sono estremanete dotati, ognuno per il proprio strumento. Il cantante Diego Albini è una vera e propria forza della natura che tanto mi ricorda il Kiske dei tempi d’oro, dagli atteggiamenti sul palco alla (soprattutto) splendida voce. Giacomo Bazzani (batteria), Filippo Cavallini (Basso) rendono la sezione ritmica assoltamente precisa; Alessandro Duò un vero solista delle tastiere e il superbo talentuoso chitarrista Luca Fortini completano questa formazione di power sinfonico dalle indubbie qualità compositive e tecniche. Il pubblico è rimasto del tutto affascianto da questo combo che ha aperto per gli Astra capitanati dal mitico Titta Tani.

i romani Astra http://www.myspace.com/astraprog hanno finito di scaldare il pubblico con il loro massiccio power prog ispiratissimo alla musica dei mostri sacri Dream Theater, tanto da essere praticamente una cover band ufficiale e difatti sono state presentate anche delle cover delle quali Pull Me Under ha letteralemente infiammato il locale.
Gli Astra sono un gruppo dall’indubbia qualità tecnica, sprizzano precisione e affiatamento mostrando quanti sacrifici hanno fatto e fanno per farsi conoscere. Dieci e lode per il sempre bravissimo Titta Tani, vero mattatore della serata per Matos.
Dopo il loro, purtroppo breve set è giunta l’ora di assistere all’esibizione del gruppo romano con il famosissimo cantante brasiliano Andrè Matos, reduce da un recentissimo concerto di supporto (con il suo gruppo solista) agli Edguy.
Tutto si è svolto come se si trattasse di tanti amici che si incontrano a bere birra e ascoltare tanta buona musica. Matos si è dimostrato un frontman capace, un intrattenitore puro che dialogo col pubblico che lo chiamava in continuazione. Si è potuto parlare addirittura di calcio nell’intervallo tra una canzone e l’altra.
Ma che canzoni avrà presentato il buon Matos con gli amici degli Astra? Pochissima roba del periodo Angra e tante cover come si fa per l’appunto tra amici in sala prove. Si è passati quindi da Iron Maiden, Helloween, Europe, Journey… che dire… Matos Matos Matos.

Vorrei concludere dicendo a tutti i nostri lettori di segnalarci concerti come questi che dispongono di una pubblicità inversamente proporzionale al valore del concerto. E sarebbe un peccato perdere questa enorme varietà di locali che tanto sui sbattono per portarci del sano Rock ‘N’ Roll a prezzi modici e, come ha affermato Matos "Milano va bene ma non ci può essere solo Milano ma anche Torino, Roma, Sardegna, Sicilia…".

 Stefano Muscariello   http://www.heavy-metal.it/live/live_templ.php?id=165

About Janus

Janus Aureus is my recently-inaugurated personal blog (written in portuguese, but with some texts in english as well). Fiore Rouge is my old (but still very active - in fact, more than Janus :P) blog (I started it back in 2005). Mentalize is a fan-made website (since 2005). if you wish to contact me for any reason, visit my blog and leave a comment OR see email above (top left) - no, my name's not Andre - actually, I'm not even a guy! LOL Long story... O Janus Aureus é meu blog pessoal - escrito em português - ainda sem muito conteúdo, pois foi começado no final de dezembro de 2011. Já o Mentalize foi aberto em 2005 e está escrito em várias línguas *rs* Privilegio o uso do inglês ali porque o pessoal estrangeiro não tem muitas informações sobre o AM. Quem quiser entrar em contato comigo por qualquer motivo, deixe um comentário nos meus blogs ou use o email que está aí em cima à esquerda (e não, eu não sou o Andre - aliás, sou mulher!).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s