Recensione Time to be Free


The great Ra aka The Narsil Bearer
 
Lo sto masticando da un pò ma con l’avvicinarsi del concerto italico mi sono ricordato che non avevo aperto il mio solito thread …

Andrè Matos, un nome, una garanzia di qualità. Il suo passato dagli Angra agli Shaman non è nuovo e quindi non è complesso capire che anche questa nuova produzione solistica sia in linea con la sua consueta maniera di intendere la musica.
La sua proposta non è originale nel senso più stretto del termine i suoi riferimenti e le sue influenze sono sempre presenti in maniera massiccia,quello che Andrè Matos ha in quantità industriale è TALENTO.
Andrè Matos è un bravo compositore e un interprete straordinario, la sua voce è iperuranica, capace di acrobazie ai limiti dell’umano e al contempo stesso con un colore ed un timbro riconoscibile tra diecimila.
Spesso in presenza di doni della natura si trova scarsa attitudine alla preparazione … con Matos invece le cose vanno di pari passo e il Brasiliano come il buon vino, migliora invecchiando.
Lo dico a scanso di equivoci … … disco vocalmente impressionante !!!
Musicalmente siamo di fronte al solito melting pot tra metallo + sinfonia un tanto al Kg condite dai squarci pianistico/vocali alla Kate Bush purtroppo in dosi minime ( perchè io li adoro ) e sana dose di melodia.
Sempre a scanso di equivoci "Holy Land" resta un stella irraggiungibile di spettacolare bellezza e questo disco nella sua bontà ( perchè di buoissimo disco si tratta ) resta comunque lontano da quella gemma.
Gli strumenti a corda sono appannaggio della solita famiglia Mariutti già aiutante di Matos ai tempi deglil Shaman ( e Luis fin dagli Angra ).
Comunque se vi piace la voce di Matos non potrete non rimanere incantati dalla magia che nuovamente scaturisce dall’ugola del piccolo brasilero.
Prendiamo "Letting Go" … Matos semplicemente spacca come e meglio che ai tempi di "Carry On" … oppure il ballatone "A New Moonlight" altro esempio di come Andrè Matos impreziosisca una song con il talento cristallino della sua ugola.

Come ho già detto nel topic degli H.E.A.T il 21 Gennaio 2009 al Rolling Stone Andre Matos e gli H.E.A.T. apriranno i concerti degli Edguy ( ma io dico si è ribaltato il mondo ) … io che ho avuto il pregio e la fortuna di vederlo dal vivo sia con gli Angra ( tutti i tour ) che con gli Shaman vi assicuro che è uno spettacolo e non esserci sarebbe da sciocchi.

About Janus

Janus Aureus is my recently-inaugurated personal blog (written in portuguese, but with some texts in english as well). Fiore Rouge is my old (but still very active - in fact, more than Janus :P) blog (I started it back in 2005). Mentalize is a fan-made website (since 2005). if you wish to contact me for any reason, visit my blog and leave a comment OR see email above (top left) - no, my name's not Andre - actually, I'm not even a guy! LOL Long story... O Janus Aureus é meu blog pessoal - escrito em português - ainda sem muito conteúdo, pois foi começado no final de dezembro de 2011. Já o Mentalize foi aberto em 2005 e está escrito em várias línguas *rs* Privilegio o uso do inglês ali porque o pessoal estrangeiro não tem muitas informações sobre o AM. Quem quiser entrar em contato comigo por qualquer motivo, deixe um comentário nos meus blogs ou use o email que está aí em cima à esquerda (e não, eu não sou o Andre - aliás, sou mulher!).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s