Clairvoyants feat. Andre Matos – Thunder Road – Codevilla (PV) 22-05-2009


A cura di Alberto Viale
 

 
Andre Matos e i Clairvoyants: un’accoppiata che funziona. E sembra proprio che ci abbiano preso gusto.
Dopo una prima collaborazione nel 2005, la partecipazione di Andre sul loro debut album e un altro paio di date pochi mesi fa, rieccoli insieme, a calcare il palco del Thunder Road di Codevilla, per celebrare nel migliore dei modi il venerdì rock del noto locale pavese.
Di un artista come Andre Matos si potrebbero spendere parole e parole ricordando i suoi trascorsi con Angra e Shaman e la sua ridente carriera fatta di numerosissime partecipazioni e ultimamente sfociata nel suo progetto solista con la pubblicazione dell’eccellente Time To Be Free. Riguardo ai Clairvoyants è giusto ricordare la loro continua ascesa e maturazione artistica, che li ha visti passare da tribute band ad una band vera e propria, sicuramente fra le più interessanti giovani promesse del Metal nazionale.

Ad aprire la serata ci hanno pensato i pavesi Devils Inc. con il loro tributo a Ozzy Osbourne e Black Sabbath, proponendo quaranta minuti ben suonati e ben interpretati, passando attraverso classici come War Pig, No More Tears e Mr. Crowley e calandosi in tutto e per tutto nelle movenze di Ozzy e della sua band.

A mezzanotte in punto, quando tocca ai Clairvoyants salire sul palco, il caldo e la canicola all’interno del locale stanno probabilmente già mietendo le prime vittime, ma il richiamo al metallo del quintetto chiaroveggente è forte e deciso e i tanti metalheads accorsi prendono posizione a ridosso del palco. Pronti via e si parte con la title track del nuovo album, Word To The Wise, che a parere di chi scrive, è nientepopodimeno che una autentica bomba metallica che meglio identifica la band in tutti i suoi punti forti: cantato potente e aggressivo, sezione ritmica notevole e chitarre penetranti. Avanti con altri pezzi originali della band, la più maideniana The Lone e la più cadenzata Back To My Dreams, passando attraverso i classici storici della Vergine di Ferro come Run To The Hills, The Trooper e The Number of The Beast.
Sulle note introduttive di Aces High arriva il momento di Andre Matos, che duettando con il sempre ottimo Gabriele regala una bella prestazione su una canzone mai banale da interpretare. Andre prosegue con il repertorio Maiden passando da Wasted Years, The Flight of Icarus fino alla “sua” Hallowed Be Thy Name. La serata si trasforma presto in una sorta di tributo ai classici del Rock e Metal, infatti dagli strumenti dei ragazzi e dalle voci sempre in tandem di Gabriele e Andre, fuoriescono le note di classici intramontabili, dai Queen di I Want It All, ai Deep Purple di Burn e ai Whitesnake di Gimme All Your Love, magistralmente interpretate da Andre a perfetto agio nelle melodie di Coverdale.
Avanti tutta con un altro capolavoro made Ronnie James Dio, ovvero Holy Diver nella quale Gabriele gioca il ruolo di protagonista indiscusso.
A chiudere il conto ci pensano ancora i Clairvoyants in versione original band regalandoci la loro hit Journey Through The Stars che poi, assieme ad Andre sigillano la serata concludendo con una coinvolgente Fear of the Dark ed una scatenata Rock The Night. Giusto una ventina di minuti per riprendersi dal logorante clima amazzonico creatosi all’interno del locale e dalla temperatura che ormai ha raggiunto 42°C circa…, il buon Andre come di consueto non si tira indietro e dispensa autografi, parole e fotografie con i tanti fan presenti.

Non vale la pena dilungarsi sul talento e il valore interpretativo di Andre Matos, capace di performances sempre al limite della perfezione. E nemmeno per quanto riguarda la bravura dei Clairvoyants è necessario spendere troppe parole. L’unico consiglio che posso dare è proprio quello di andarli a vedere a suonare dal vivo e di procurarsi il loro ottimo primo album Word To The Wise. Non ne rimarrete delusi.

 

About Janus

Janus Aureus is my recently-inaugurated personal blog (written in portuguese, but with some texts in english as well). Fiore Rouge is my old (but still very active - in fact, more than Janus :P) blog (I started it back in 2005). Mentalize is a fan-made website (since 2005). if you wish to contact me for any reason, visit my blog and leave a comment OR see email above (top left) - no, my name's not Andre - actually, I'm not even a guy! LOL Long story... O Janus Aureus é meu blog pessoal - escrito em português - ainda sem muito conteúdo, pois foi começado no final de dezembro de 2011. Já o Mentalize foi aberto em 2005 e está escrito em várias línguas *rs* Privilegio o uso do inglês ali porque o pessoal estrangeiro não tem muitas informações sobre o AM. Quem quiser entrar em contato comigo por qualquer motivo, deixe um comentário nos meus blogs ou use o email que está aí em cima à esquerda (e não, eu não sou o Andre - aliás, sou mulher!).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s