Mentalize – recenzione


  • NAZIONE: Brasile
  • ANNO: 2009
  • GENERE: Heavy/Power Metal
  • ETICHETTA: Avalon (Japan edition) 
  • WEB: www.andrematos.net
  • VOTO: 10

CrystalNight

Fra qualche tempo in Italia uscirà il nuovo album di Andre Matos, “Mentalize”. Per chi è troppo curioso e vuole conoscere in anteprima i particolari, cercherò di descriverglielo al meglio, possedendone la versione giapponese, uscita il 26 agosto.

Il booklet che troviamo è “originale”, bucherellato seguendo una spirale che parte dalle iniziali del cantante contornate da un labirinto che dovrebbe rappresentare il cervello, ossia la mente e tutti i suoi cunicoli di pensieri. E’ un labirinto di forma circolare esternamente dentellato che riporta alla figura di una rotella meccanica. Di sfondo si possono notare piccoli disegni di progetti antichi che saranno più visibili nella penultima pagina. Insomma, visto il titolo dell’album, lascerei ad ognuno di voi l’interpretazione personale dei tanti elementi.

Ad aprire l’album è “Leading on!”, che inizia con una brevissima intro di percussioni; ascoltando le prime note, riconosciamo subito lo stile che contraddistingue la nuova band solista di Andre Matos, già conosciuto in “Time To Be Free”, dove nonostante tutto c’è ancora qualche piccolo elemento che ci ricorda gli Angra, ma è appurabile che lo stile è arrivato ad una dimensione più matura e ricca di novità. La canzone è ritmicamente molto veloce e c’è una notevole presenza di tastiere. Per tutti quelli che sono sempre ansiosi di ascoltare i famosi acuti di Matos, già da qui possono stare tranquilli, aspettando lo stacco giusto!

Procedendo con “I will return”, il coro che fa da intro è molto originale rispetto al passato, ma chi segue quest’artista già saprà che la tendenza a sperimentare e rendere unico ogni suo brano gli appartiene. La prima cosa che noto mentre comincia la canzone vera e propria è la grande espressività vocale, che te la fa vivere propriamente. La melodia rimane subito in testa, intervallata da un solo alla chitarra e diversi cambi di ritmo ed ambientazione. Il brano si chiude con un altro lungo acuto che va svanendo insieme alla melodia.

[Premi qui per confermare che il tuo browser non ha javascript]

/iwetc/res/swf_frame/532×187.swf

Una batteria ed un basso molto aggressivi aprono “Someone else”. Appena inizia il cantato c’è un altro nuovo elemento, la voce di Andre leggermente sintetizzata che duetta con quella normale, senza effetti, con un ritmo che incalza, fino al ritornello. Il connubio è davvero eccellente in ogni sua parte.

E’ il momento di parlare di “Shift the night away”, canzone che fa parte della mia top 5 riguardo quest’album. In essa la chitarra è protagonista nell’espressione melodica e durante i vari riff trova per suo compagno un ritmo molto potente e sostenuto alla batteria. “Back to you” invece è una ballata molto soft dal sound dolce, posta anche al punto giusto dell’album. Successivamente si torna alle sonorità più speed, con la titletrack “Mentalize”, dove leggendo qua e là nel testo si capisce che in qualche modo c’è un nesso con le tematiche del precedente album.

L’introspezione continua ad evolversi e qui viene presa in esame la potenzialità della mente, le paure dell’individuo ed il fatto che non si scappa dai propri pensieri.

Seguono le due canzoni a mio parere più belle dell’album, ovvero “The myriad” e “When the sun cried out”. La prima è introdotta da un breve ritmo alla batteria (e poi distorsioni alla chitarra), che tende a rallentare, per lasciar posto ad una voce chiara e limpida di Matos che coinvolge appieno le sensazioni, fino all’aumentare di intensità con l’aggiunta di vari cori nel brano e lo sbocco in un ritornello sempre in crescendo. Senza parole!

La seconda, dopo un breve coro parte con grande furia, ma anche qui si susseguiranno diversi cambi di ritmo. Per questa canzone consiglierei lo stereo al massimo del volume per apprezzarla al meglio. Interessante il solo alla chitarra e le diverse atmosfere che si vengono a creare.

“Mirror of me” è molto melodiosa e decisamente vi dominano le chitarre con numerosi riff, che demarcano la nuova sfumatura di stile che si è formata in quest’album. Passiamo a “Violence”, canzone alla quale ha collaborato tutta la band, come si legge sul booklet ; infatti, mentre si affronta la tematica della violenza riferita a come essa possa incrociare la vita di ognuno, ogni strumento viene esaltato.

Con il brano seguente, ovvero “A lapse in time”, l’album rallenta di nuovo in una ballad voce-pianoforte, per poi passare a “Powerstream” una canzone che tocca decisamente il classico ritmo Power, riscontrabile anche in qualche altro ritornello dei brani qui presenti. Questo è un elemento non molto presente nei lavori passati e qui si ritrova forse un po’ troppo spesso. Comunque, a parte questo, qui dovrebbe terminare la versione europea di Mentalize. E devo dire: “I miei complimenti!”.

La versione da me presa in analisi invece, contiene ben 2 bonus track , “Forever is too long” dai ritmi movimentati e una cover dei Queen, finalmente, visto che ad Andre piacciono tantissimo. Visto che è la bonus track della versione giapponese non poteva fare scelta più appropriata eseguendo “Teo Torriatte”, rivisitata in stile Matos. Non a tutti le cover riescono bene ma con quest’artista non si sbaglia mai. E qui termina anche questo disco. Tuttavia, la versione brasiliana contiene un’unica bonus track che non è tra quelle giapponesi.

Questa volta si torna ai tempi degli Angra, con una cover di “Don’t Despair”, la ricordate? Si trova in “Reaching Horizons”. Completamente rinnovata ed arricchita da nuovi particolari, sicuramente verrà proposta nel prossimo concerto e ci farà ricordare i grandi esordi di questo grande artista che più passa il tempo e più ci sorprende, evolvendo il proprio stile e non deludendo mai!

http://www.verorock.it/Mentalize_1705000.html

About Janus

Janus Aureus is my recently-inaugurated personal blog (written in portuguese, but with some texts in english as well). Fiore Rouge is my old (but still very active - in fact, more than Janus :P) blog (I started it back in 2005). Mentalize is a fan-made website (since 2005). if you wish to contact me for any reason, visit my blog and leave a comment OR see email above (top left) - no, my name's not Andre - actually, I'm not even a guy! LOL Long story... O Janus Aureus é meu blog pessoal - escrito em português - ainda sem muito conteúdo, pois foi começado no final de dezembro de 2011. Já o Mentalize foi aberto em 2005 e está escrito em várias línguas *rs* Privilegio o uso do inglês ali porque o pessoal estrangeiro não tem muitas informações sobre o AM. Quem quiser entrar em contato comigo por qualquer motivo, deixe um comentário nos meus blogs ou use o email que está aí em cima à esquerda (e não, eu não sou o Andre - aliás, sou mulher!).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s