ANDRE MATOS – The Turn Of The Lights


Written by  Sabrina Agasucci

Il terzo attesissimo album di Andre Matos è finalmente uscito e come al solito è un lavoro massiccio e pieno di atmosfere differenti, che per farsene un’idea generale un unico ascolto non basta. A questo d’altronde i fan sono stati già abituati da tempo, quindi al via con lo studio!
Sicuramente la prima impressione è che l’intero album sia di gran lunga più calmo rispetto ai precedenti. Nonostante tutto, il consiglio è di addentrarsi in maniera più profonda in questa giungla di sonorità e di ottime orchestrazioni perché il livello di sofisticatezza stavolta raggiunto è alto. Iniziando a descrivere lo stile, possiamo dire che si presenta basicamente come  Power Metal con molte influenze Rock e Progressive, ma ogni canzone si differenzia per alcuni elementi.

In “Course Of Life”, ad esempio, alcuni riff sembrano di richiamo ai Viper, uno dei primi gruppi di Andre; tutti i brani poi sono ben presto orecchiabili, l’impronta che hanno descrive quasi una potenza controllata che dal vivo sicuramente verrà resa più heavy. Ogni melodia ha un’originalità ed un percorso propri, come se fosse una storia e come se i cambi frequenti di ritmo introducessero le varie scene.
Un trittico interessante è dato da “Oversoul”,“White Summit” e ”Light Years”, poste verso la fine dell’album; l’intensità qui aumenta e ritroviamo anche ritmiche del precedente lavoro “Mentalize”.
Tutto ciò può dunque essere descritto come un’ evoluzione del sound di Andre Matos, che però trattiene una speciale concatenazione ai lavori precedenti tramite molti elementi che i fan di lungo corso possono facilmente individuare all’interno di ciascun album e in questo caso particolare, all’interno di “The Turn Of The Lights”.
Ballad degna di nota è “Gaza” che oltre al bellissimo testo rimane impressa per il cantato un po’ retrò.
Ma veniamo alla parte cover, alla quale Andre ha sicuramente dedicato importanza, visto che la versione giapponese ne ha ben 4! Le rivisitazioni dei due pezzi forti scelti dal repertorio degli Angra e dei Viper sono riprodotte molto bene e forse c’è un pizzico di nostalgia di quel periodo, ma interessanti sono le altre scelte perché qui vengono reinterpretate canzoni che fanno parte di generi totalmente diversi tra loro. Queensryche, Radiohead ed Enka, che mix!
Tirando le conclusioni, quest’album si può definire veramente un buon lavoro; vario, intenso e d’esplorazione. Cosa ci riserva il futuro con quest’artista è sempre una sorpresa. Intanto ci gustiamo “The Turn Of The Lights” aspettando di vederlo nuovamente dal vivo.

http://www.heavyworlds.com/site/index.php/reviews/item/9496-andre-matos-the-turn-of-the-lights#

About Janus

Janus Aureus is my recently-inaugurated personal blog (written in portuguese, but with some texts in english as well). Fiore Rouge is my old (but still very active - in fact, more than Janus :P) blog (I started it back in 2005). Mentalize is a fan-made website (since 2005). if you wish to contact me for any reason, visit my blog and leave a comment OR see email above (top left) - no, my name's not Andre - actually, I'm not even a guy! LOL Long story... O Janus Aureus é meu blog pessoal - escrito em português - ainda sem muito conteúdo, pois foi começado no final de dezembro de 2011. Já o Mentalize foi aberto em 2005 e está escrito em várias línguas *rs* Privilegio o uso do inglês ali porque o pessoal estrangeiro não tem muitas informações sobre o AM. Quem quiser entrar em contato comigo por qualquer motivo, deixe um comentário nos meus blogs ou use o email que está aí em cima à esquerda (e não, eu não sou o Andre - aliás, sou mulher!).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s