The Turn of the Lights – in Italiano


L’impressione, ascoltando il nuovo album di Andre Matos “The Turn Of The Lights”, è che si sia rotto qualcosa, che si sia ‘spenta la luce’. Ci aveva lasciato tre anni fa con il valido “Mentalize”, testimonianza di una forma smagliante e di una immutata capacità di stupire i propri affezionati.

 

E’ per questo che la delusione provata all’ascolto del nuovo lavoro si è rivelata più bruciante del previsto. Tutto qui dentro appare smorzato, incolore. Un Matos svogliato e non particolarmente in forma dal punto di vista vocale ci accompagna in un’interminabile ora di power progressive metal privo del mordente (e della produzione) a cui sempre ci aveva abituati in passato. L’album parte con due pezzi assolutamente insipidi, “Liberty” e “Course Of Life”, lasciandoci con quest’ultima la possibilità di provare con mano quanto appena detto: trattasi di un pezzo sulla falsariga di “Pride”, il pezzo più energico del capolavoro “Ritual” degli Shaman, che certifica come il nuovo corso (anzi il nuovissimo corso) sia una versione morfinica del recente passato.

 

A seguire la title track, appena sufficiente se non consideriamo il fatto che le melodie sono tutt’altro che memorabili, e la scandalosa “Gaza”, dove tocchiamo il punto più basso dell’intera carriera del cantante carioca. Ora la situazione non può che migliorare, infatti troviamo finalmente pezzi più a fuoco come “Unreplaceable”, “On Your Own”, anche se la voglia di ascoltare Angra e Shamancresce a dismisura col procedere dell’ascolto.

 

La seconda metà dell’album scorre senza particolari momenti di interesse, fatta eccezione per la oscura e malinconica ballad “Sometimes”, decisamente in linea con un Matos che, lo confessiamo, ci preoccupa un po’. La venatura oscura che permea tutto l’album non aveva mai campeggiato su nessuna creatura del buon Andre, e francamente mal si sposa con la sua sensibilità musicale. Non ci sentiamo di bocciare in toto questo “The Turn Of The Lights”, perché comunque il livello è decisamente nella media se confrontato con altre realtà del genere e la band di supporto si è dimostrata all’altezza, ma ci auguriamo che il Nostro si possa riposare, raccogliere le idee e scegliere con accuratezza i prossimi passi.

About Janus

Janus Aureus is my recently-inaugurated personal blog (written in portuguese, but with some texts in english as well). Fiore Rouge is my old (but still very active - in fact, more than Janus :P) blog (I started it back in 2005). Mentalize is a fan-made website (since 2005). if you wish to contact me for any reason, visit my blog and leave a comment OR see email above (top left) - no, my name's not Andre - actually, I'm not even a guy! LOL Long story... O Janus Aureus é meu blog pessoal - escrito em português - ainda sem muito conteúdo, pois foi começado no final de dezembro de 2011. Já o Mentalize foi aberto em 2005 e está escrito em várias línguas *rs* Privilegio o uso do inglês ali porque o pessoal estrangeiro não tem muitas informações sobre o AM. Quem quiser entrar em contato comigo por qualquer motivo, deixe um comentário nos meus blogs ou use o email que está aí em cima à esquerda (e não, eu não sou o Andre - aliás, sou mulher!).

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s